Prestiti online da 200.000 euro: migilori offerte su internet, preventivi online

Un matrimonio, l’acquisto di un nuovo immobile in cui stabilire la propria residenza, una nuova struttura in cui esercitare la propria professione… Sono tutti grandi progetti che la maggior parte degli italiani vorrebbe realizzare ma che, purtroppo, spesso non ha a disposizione la liquidità necessaria per poterli intraprendere. E allora perché non chiedere aiuto alle banche che, tramite un prestito personale, potrebbero dare un aiuto a realizzare questi propositi? Certo, la cifra in questi casi è decisamente importante, si parla di circa 200.000 euro, e di sicuro non è accessibile a tutti, ma se si hanno le garanzie giuste il finanziamento potrebbe davvero aiutare a rendere reali i propri progetti più importanti.

Garanzie

Poichè questa è la cifra massima che è possibile ottenere con un prestito personale, oltre la quale si può optare solo per il mutuo, è necessario fornirsi di quante più garanzie possibili per fare in modo che la propria richiesta di finanziamento non venga rifiutata. La busta paga da sola non basta, a meno che non sia quella di un alto dirigente di un’importante industria le cui entrate economiche superano di gran lunga l’importo previsto per la rata mensile. Poichè non è questo il caso della grande maggioranza degli italiani che si accingono a richiedere il finanziamento, è importante sapere quali sono le altre garanzie utili per ottenere la liquidità.

In questi casi, può essere utile la firma di un garante e, soprattutto, un immobile da ipotecare.

A chi rivolgersi?

Non sono tanti gli istituti di credito che offrono finanziamenti di importo così alto. Per ottenere un prestito personale da 200.000 euro è necessario ricorrere a internet dove è possibile trovare tutti quegli istituti di credito, spesso finanziarie e non banche, che erogano questa liquidità e presentare loro la propria richiesta.

Non è possibile, per questa cifra, rivolgersi a Poste Italiane o ai prestiti tra privati e neppure è consigliabile recarsi solo presso le banche del proprio territorio.

Mutuo o prestito?

Qualunque sia il progetto da sviluppare, bisogna sempre tenere in considerazione che 200.000 euro sono tanti e per restituire un prestito personale di tale entità potrebbe essere necessario ricorrere a tutto il proprio stipendio mensile.

Se questo rappresenta la sola entrata economica che il soggetto possiede, specialmente nel caso in cui non ci sia un coniuge o un altro convivente che contribuisce al reddito famigliare, il prestito personale potrebbe non essere concesso.

Se ci si trova in questa situazione e si ha un immobile da ipotecare, cosa comunque richiesta anche per il prestito personale da 200.000 euro, è preferibile richiedere un mutuo che, proprio per la sua durata notevolmente lunga, anche fino a 30 anni, consente di abbassare la rata mensile e renderla accessibile alla maggior parte dei lavoratori o dei pensionati italiani.