Prestiti personali online per dipendenti Fiat: migliori prodotti, offerte del 2021

Indice dei contenuti

Ormai è risaputo, il modo più facile in assoluto per ottenere un finanziamento è quello di presentare come garanzia la propria busta paga. Essere un lavoratore dipendente, indipendentemente dal fatto che si tratti di un’azienda pubblica o di una privata, offre un notevole vantaggio quando si tratta di ottenere del credito dalle banche.

Avere una busta paga non è utile solo come garanzia, ma è requisito fondamentale per poter accedere ai prestiti con cessione del quinto dello stipendio o ai prestiti con delega.

In questi ultimi due casi, ad ottenere il favore degli istituti di credito non è solamente la presenza stessa della busta paga o il suo importo, ma anche l’azienda presso cui il dipendente lavora. Tanto più importante sarà quest’ultima, tanto più facilmente le banche saranno disposte a concedere il finanziamento richiesto. E quando si parla di grandi aziende, la prima a venire in mente alla maggior parte delle persone è proprio la FIAT (oggi FCA Group), la nota casa automobilistica tutta italiana fondata a Torino, nel lontano 1899, da Giovanni Agnelli.

Per tutti i suoi dipendenti, esistono dei prodotti finanziari ben specifici e dei prestiti personali ad essi dedicati che possono essere richiesti anche online.

Vantaggi

Essere un lavoratore dipendente di casa Fiat è un’agevolazione per ottenere credito dalle banche sotto molti punti di vista.

Gli istituti finanziari concedono molta fiducia a questa grande azienda e sono disposti a concedere un prestito anche ai suoi lavoratori a tempo determinato.

Per questa particolare categoria di dipendenti, però, la banca potrebbe richiedere delle ulteriori garanzie prima di concedere il finanziamento e, in ogni caso, questo non potrà avere una durata superiore a quella del contratto di lavoro presso FIAT. I vantaggi che si ottengono lavorando presso la nota casa automobilistica non si limitano alla facilità con cui si può ottenere del capitale in prestito. La convenienza di questi finanziamenti si può riscontrare anche da un punto di vista economico: i tassi di interesse riservati ai dipendenti FIAT sono più bassi rispetto a quelli riservati ai lavoratori di altre aziende meno solide e conosciute.

Requisiti

I prestiti personali per dipendenti FIAT, come si è visto, sono molto più vantaggiosi rispetto ai prestiti personali disponibili per altri soggetti, sotto diversi punti di vista. Ma quali sono i requisiti che un dipendente deve avere per poter accedere a questo tipo di finanziamento? Oltre ad essere un dipendente della nota casa automobilistica, preferibilmente a tempo indeterminato, il richiedente deve anche essere un buon pagatore.

Non vengono concessi, infatti, questi prestiti agevolati a chi risulta nei database della Centrale Rischi.

Il requisito principale per gli altri prestiti, ovvero dimostrare di avere un buon reddito in modo tale che non sia difficoltoso sostenere il pagamento delle varie rate, non è un problema per i dipendenti FIAT. Costoro, infatti, essendo provvisti di busta paga e contratto di lavoro stabile, non avranno bisogno di offrire ulteriori garanzie sul reddito.

Sebbene non sia necessario, la presenza di un garante è sempre ben vista dalle banche.

La figura del garante riscontra il favore delle banche soprattuto se il richiedente vuole accedere ad un prestito personale classico, in cui egli stesso deve provvedere personalmente al pagamento delle rate. Ultimo requisito richiesto è l’età del dipendente. Essa deve essere compresa tra i 18 e i 70 anni, ovvero deve essere ancora in età lavorativa.

Cessione del quinto

Si tratta, al di fuori di ogni dubbio, del modo più semplice e comodo per ottenere un prestito personale se si è dipendenti FIAT.

La cessione del quinto implica che le rate mensili di restituzione del capitale, più gli interessi, vengano trattenute direttamente sulla busta paga del lavoratore.

In questo modo, il debitore non ha più l’onere di provvedere personalmente, mese per mese, al pagamento delle rate ma tale versamento viene effettuato direttamente dal suo datore di lavoro. La quota massima di denaro che può essere trattenuta dallo stipendio netto è del 20%, ossia un quinto della paga mensile. È una logica conseguenza di ciò che gli importi delle singole rate devono essere proporzionali allo stipendio percepito.

Chi ha uno stipendio non molto elevato dovrà quindi optare per un prestito di durata maggiore rispetto a chi, richiedendo la stessa cifra con gli stessi interessi, ha uno stipendio più alto. In alternativa, è possibile richiedere in prestito una somma minore di denaro per ridurre il numero di rate mensili.

L’assicurazione

Con la sottoscrizione di questo prestito personale con FIAT, la banca obbliga il richiedente a stipulare anche una polizza assicurativa.

Essa serve a tutelare la banca nel caso in cui il debitore, per un qualsiasi motivo, venga licenziato o divenga inabile al lavoro.

L’assicurazione, in questi casi, provvederà ad estinguere il debito e non far diventare il cliente un cattivo pagatore. La somma di denaro versata dall’assicurazione dovrà in seguito essere restituita dal debitore stesso.

La polizza assicurativa, però, non tutela solo il debitore. Essa è una garanzia anche per gli eredi che, in caso di morte del loro predecessore, non dovranno provvedere personalmente a pagare le rate del prestito rimanenti.

Delega di pagamento

Oltre alla più diffusa e utilizzata cessione del quinto dello stipendio, è disponibile un’altra forma di restituzione del finanziamento, ad essa molto simile ma con qualche agevolazione in più. Si tratta della delega di pagamento. Come la cessione del quinto, anche essa coinvolge in modo diretto il datore di lavoro per il pagamento delle rate.

La differenza principale sta nel fatto che, al contrario di quanto avviene per la cessione del quinto, con la delega di pagamento il datore di lavoro può rifiutarsi di dare il suo consenso e pagare le rate mensili al posto del suo dipendente.

Quali vantaggi apporta un prestito con delega di pagamento rispetto ad uno con cessione del quinto? Innanzitutto, il vantaggio sta nella quota di stipendio mensile che è possibile trattenere per il pagamento delle rate. Con la cessione del quinto, tale quota si attesta ad un massimo del 20% sullo stipendio netto, con la delega di pagamento essa addirittura raddoppia. In questo modo, il dipendente può far trattenere dal datore di lavoro fino al 40% della propria busta paga.

Quali sono le conseguenze dirette di questa maggiore percentuale? Una rata con un importo maggiore permette, innanzitutto, di accorciare i tempi per la restituzione del prestito. Con il diminuire della durata del contratto, andranno automaticamente a diminuire anche gli interessi, già bassi per i dipendenti FIAT, da versare alla banca. Ma la rata con un importo maggiore non serve solo a ridurre le rate mensili e gli interessi. Essa consente anche di poter ottenere in prestito un capitale di importo ancora più elevato rispetto a quello che si otterrebbe con la semplice cessione del quinto.

Come ulteriore vantaggio, il prestito con delega di pagamento è accessibile anche a chi ha già un altro finanziamento in corso di restituzione.

Come fare richiesta

Qual è la procedura corretta da espletare per ottenere un prestito per i dipendenti FIAT? Come sempre, la prima cosa da fare è richiedere i preventivi. Poichè molte banche, ormai, offrono questo servizio gratuitamente anche online, eseguire questo passaggio non è affatto difficile o laborioso. Non richiede neppure molto tempo, se fatto online.

È importante, nel momento in cui si sta richiedento un preventivo, inserire i dati corretti e quanto più accurati possibile e permette anche di risparmiare.

I prodotti finanziari offerti online, infatti, sono molto più convenienti rispetto a quelli proposti in filiale. Tuttavia, il dipendente FIAT è libero di scegliere liberamente se richiedere il prestito online oppure recarsi personalmente in filiale. In ogni caso, i documenti che attestano la propria identità e la propria situazione economica sono sempre necessari. In questa particolare situazione, un aiuto ai dipendenti FIAT che intendono richiedere un prestito personale può arrivare anche dai sindacati. Essi possono aiutare il richiedente a reperire informazioni sui vari prodotti finanziari disponibili al momento e a scegliere il prestito personale che meglio corrisponde alle proprie esigenze.

Durata del finanziamento

I dipendenti FIAT possono usufruire di moltissime agevolazioni quando si tratta di richiedere un prestito personale. Tuttavia, anche queste hanno dei limiti. In questo caso, il limite consiste nella durata stessa del finanziamento. Esso non può protrarsi oltre i 10 anni. Questo vuol dire che un dipendente FIAT che ha ottenuto un prestito agevolato non può restituirlo in un numero di rate superiori alle 120. E, in ogni caso, la durata stessa del prestito non deve essere superiore a quella del contratto di lavoro presso FIAT. Rimane, però, possibile l’estinzione anticipata del prestito personale.